Corporate governance | Gruppo Santa Croce

Il Gruppo Santa Croce adotta un sistema di Corporate Governance ispirato ai più elevati standard di trasparenza e correttezza nella gestione dell’impresa e conforme a quanto previsto dalla legge.

Il sistema di governo societario adottato dal Gruppo, oltre a costituire uno strumento essenziale per assicurare l’efficace gestione ed il valido controllo delle attività in ambito aziendale, è orientato:

  1. alla qualità del servizio all’utenza;
  2. al controllo dei rischi d’impresa;
  3. alla consapevolezza della rilevanza sociale dell’attività in cui la Società è impegnata e della conseguente necessità di considerare adeguatamente, nel relativo svolgimento, tutti gli interessi coinvolti.

Strutture di Governance

Le strutture di governance preposte al perseguimento di tali obiettivi sono:

  • l’Assemblea dei Soci;
  • il Consiglio di Amministrazione, al quale sono conferiti i poteri di amministrazione di Santa Croce;
  • il Collegio Sindacale.

L’Assemblea dei Soci

L’Assemblea dei Soci del Gruppo Santa Croce consente un proficuo e costante dialogo societario.

Il Consiglio di Amministrazione

Costituito da 5 amministratori in carica.

  • Presidente: Vietti Michele Giuseppe
  • Amministratore Delegato: Barra Gisella
  • Consigliere Delegato: Ricciardi Annateresa
  • Consiglieri: Vietti Luisa Giuseppa – Vietti Maria Margherita

Il Consiglio di Amministrazione presiede al rispetto:

  • della missione aziendale;
  • alle scelte strategiche;
  • alle politiche aziendali;
  • alla definizione degli obiettivi societari.

Gli amministratori sono tenuti a vigilare, sul rispetto delle normative vigenti, apportando alla Società la propria professionalità ed operando con la massima diligenza possibile.

Al Consiglio di Amministrazione fanno capo le funzioni inerenti responsabilità in materia di indirizzi strategici ed organizzativi, nonché la verifica dell’esistenza dei controlli necessari per garantire la correttezza e la legittimità dell’operato del Gruppo.

In tale contesto, il Consiglio di Amministrazione:

  1. esamina ed approva tutte le operazioni industriali, commerciali, immobiliari, mobiliari, patrimoniali e finanziarie, queste ultime in via non prevalente e non nei confronti del pubblico;
  2. determina i criteri per la direzione ed il coordinamento dell’attività aziendale;
  3. valuta l’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e finanziario generale della Società, con particolare riferimento ai controlli interni ed alla gestione dei conflitti di interesse;
  4. attribuisce e revoca le deleghe ai consiglieri delegati ed al Personale, definendone limiti e modalità di esercizio;
  5. riceve periodicamente un’esauriente informativa circa l’attività svolta dagli organi delegati.

Il Consiglio di Amministrazione e, per esso, il Presidente del Consiglio, l’Amministratore Delegato e i consiglieri delegati, potranno nominare procuratori speciali che li rappresentino e li sostituiscano per determinati affari, conferendo loro le necessarie facoltà e la firma entro i limiti dei poteri agli stessi spettanti. I medesimi soggetti potranno altresì revocare i nominati procuratori speciali.

In caso di nomina del Consiglio di Amministrazione, la rappresentanza della Società spetta al Presidente, all’Amministratore Delegato ed ai consiglieri delegati nei limiti dei poteri loro conferiti.

Sindaco Unico

Il Sindaco Unico, nell’ambito dei compiti ad esso affidati dalla legge, vigila sul rispetto da parte del Consiglio di Amministrazione delle normative vigenti.